Cyberbullismo

L'impaginazione degli articoli sul blog si avvicina visivamente a quella del giornale: per questo motivo ne consigliamo la lettura su pc o tablet (preferibili allo smartphone, adatto solo se ruotato in senso orizzontale), così da salvaguardare la componente visuale (spazi, a capo, capoversi) studiata per ogni singola frase, anch'essa nella direzione delle "Linee Guida Europee di Lettura Facilitata" - Easy to Read

COS'È IL CYBERBULLISMO?

In questo periodo giornali e tv usano
spesso la parola “cyberbullismo”.

Ma cosa vuol dire cyberbullismo?

Il cyberbullismo è un tipo di bullismo.
Si parla di bullismo quando qualcuno viene
trattato male da una persona prepotente.

Il cyberbullismo è un tipo di bullismo
che capita su Internet.

Per esempio si parla di cyberbullismo
quando qualcuno viene trattato male in chat
o su Facebook.

Cosa vuol dire trattare male le persone su internet?

Per esempio vuol dire prendere in giro o insultare
una persona per qualcosa che ha scritto
o per una sua foto pubblicata.

A volte capita anche che qualcuno pubblichi
delle nostre foto senza il nostro permesso.
Questa cosa può diventare molto pericolosa
perché noi non possiamo controllarla.

Internet infatti è come una grande scatola
che possiamo riempire con le nostre cose.

Se decidiamo di mettere qualcosa in questa scatola
sarà poi molto difficile toglierla.
In pratica qualsiasi persona potrà vedere
e commentare quelle cose anche dopo molti anni.

A volte i commenti delle persone su internet
sono molto prepotenti e fastidiosi.

A volte alcune persone stanno male per colpa
di quei commenti.

Alcuni ragazzi e ragazze si sono tolti la vita
dopo aver letto dei brutti commenti su di loro.
Non sono riusciti a sopportare di essere offesi
da così tante persone sconosciute.

cyberbullismo
È quello che è successo ad esempio a Carolina
qualche anno fa.

Carolina era una ragazza di 14 anni.
Una sera Carolina è andata a una festa
e un gruppo di ragazzi l’ha molestata.

Questi ragazzi l’hanno toccata nelle parti intime
quando lei era ubriaca.
Carolina non capiva bene cosa succedeva
e che in quel momento qualcuno la filmava.

Qualche giorno dopo Carolina ha visto su internet
il video di quella sera.
Sotto al video c’erano tantissimi commenti cattivi
su di lei.

Carolina si vergognava.
Carolina non riusciva a sopportare quel dolore
e ha deciso di togliersi la vita.

Una storia simile a quella di Carolina è capitata
a molti altri ragazzi e ragazze.

Per questo anche i politici hanno incominciato
a parlare del problema del cyberbullismo.
Subito dopo l’estate il Parlamento ha scritto
una nuova legge sul cyberbullismo.

La nuova legge punisce molto duramente i bulli
e i cyberbulli.

La storia di Carolina ci fa capire che è importante
imparare a difendersi anche su Internet.
La storia di Carolina ci fa capire che è importante

pensare bene prima di pubblicare foto o video.

(Tratto da Sottovoce n.4/2016)