La Bottega Cooperativa Sociale

Il Centro Studi Cultura e Società di Torino ha assegnato un importante riconoscimento al Progetto "Immagini che lasciano il segno 2.0", laboratorio fotografico divenuto poi mostra itinerante che a partire dalla partecipazione attiva degli utenti destinatari ha provato a raccontare l'incontro con la disabilità.

Un premio a "Immagini che lasciano il segno"

Il comitato scientifico del "Premio Persona e Comunità. Per la valorizzazione dei migliori Progetti finalizzati allo Sviluppo, al Benessere ed alla Cura della Persona" ha conferito la Segnalazione di Buon Esempio per la sezione Cultura, Socialità e Tempo Libero al progetto a "Immagini che lasciano il segno 2.0", curato da "La Bottega S.c.s Onlus", realizzato con il contributo di Fondazione CRT e integrato nelle attività de "Il Club dei 100".
Giunto ormai alla sua V edizione, il “Premio Persona e Comunità” ha l’obiettivo di riconoscere, valorizzare e diffondere le migliori esperienze finalizzate allo sviluppo, al benessere e alla cura della persone e dei cittadini e al miglioramento concreto della loro qualità della vita. 

premio-persona-e-comunita

Un segno grafico ed emotivo

A "Immagini che lasciano il segno" è stato riconosciuto tale merito.
ll progetto del laboratorio fotografico divenuto poi mostra itinerante partiva da un interrogativo preciso: può un sistema simbolico di rappresentazione del reale come la fotografia diventare mezzo per operare su vari livelli di consapevolezza e farsi tramite di esperienze di autopercezione anche per chi è portatore di disabilità intellettiva?

La risposta sta in un lavoro che trova il suo fulcro nel rapporto tra immagine fotografica e identità individuale, con l'idea di lasciare un segno concreto, emotivo oltre che grafico
Pensare a un percorso psico-educativo mirato e costruito ad hoc per giovani adulti con disabilità intellettiva e improntato appunto come “laboratorio fotografico” risponde così all’interrogativo di partenza generando uno spazio di incontro e integrazione nuovo, dove si dà alla persona la possibilità di esprimere il proprio modo di essere, la propria personalità.

La fotografia di ritratto diviene dunque strumento di conoscenza del Sé e un inedito supporto operativo all’équipe, che in cooperazione con i ragazzi lavora sulle tematiche del cambiamento, in uno spazio di socializzazione semi-strutturato dove poter raccontare se stessi e il proprio mondo imparando a conoscersi e a rappresentarsi attraverso le immagini.

Vedere e non semplicemente guardare dunque, percepire e non semplicemente considerare la disabilità: questo è stato il filo rosso che ci ha permesso di entrare, in punta di piedi e con sensibilità, in un mondo interiore che non aspettava altro che potersi esprimere. E di dargli poi risalto con una mostra itinerante tuttora in cerca di nuovi spazi! 

La premiazione

La Cerimonia di Premiazione, si è svolta venerdì 2 marzo 2018 nell’ambito del V Convegno Nazionale "La centralità della Persona nei migliori progetti della PA e del Volontariato" presso la Sala Multimediale della Regione Piemonte alla presenza del Sindaco di Torino Chiara Appendino.
A ritirare il premio era per la Bottega era presente Vittorio Busato, educatore e collaboratore attivo nel progetto con la collega Barbara La Russa, psicologa e psicoterapeuta, ideatrice e promotrice del progetto. 
Un risultato ci entusiasma e ci fa credere ancora di più nel nostro impegno quotidiano alla ricerca di quel mondo in cui il confine tra normalità e disabilità si dissolve nell’INTEGRAZIONE.

Il seminario di approfondimento

Ad appendice del suddetto premio, il Centro Studi Cultura e Società ha inserito "Immagini che lasciano il segno 2.0" fra le esperienze che verranno presentate nel Seminario di Condivisione e Approfondimento che avrà luogo Mercoledì 28 marzo 2018 dalle ore 14,30 alle 18,00, presso la Sala Viglione del Consiglio Regionale del Piemonte in Via Alfieri 15 a Torino. 

La mostra itinerante

La mostra è stata presentata in anteprima nel febbraio 2016 negli spazi aulici di Villa Boglione nel Parco Culturale Le Serre di Grugliasco, per poi fare capolino alla Stazione di Porta Susa a Torino fra gli eventi selezionati da GTT per festeggiare i primi 10 anni della metropolitana torinese.
Oggi "Immagini che lasciano il segno" è in cerca nuovi spazi, nuove opportunità, nuovi eventi per presentarsi al pubblico.

Locandina della mostra di fotografia"IMMAGINI
CHE LASCIANO IL SEGNO"
Una mostra fotografica itinerante per raccontare l'incontro con la disabilità.

PER INFORMAZIONI: barbera.larussa@gmail.com

Progetto a cura di: 
Antonio Vitulano, Presidente della Cooperativa Sociale "La Bottega S.c.s Onlus"; Barbara La Russa, Psicologa, Formatrice e Consulente per l'Orientamento.
Realizzato con: 
la partecipazione attiva di Vittorio Busato, Educatore
e la collaborazione esterna di Riccardo Antonione, Fotografo.